Arance Amare: proprietà dimagranti e terapeutiche – Locroi

Arance Amare: proprietà dimagranti e terapeutiche

ARANCE AMARE: PROPRIETÀ DIMAGRANTI E TERAPEUTICHE

L’arancio amaro, chiamato anche melangolo, ha tantissime proprietà terapeutiche e dimagranti. Trattandosi di un agrume, possiede tutte le proprietà e i principi attivi di tutti gli altri, come le vitamine A, PP e C, il fucocumarine, il limonene e il bergaptene. Tuttavia, rispetto agli altri agrumi possiede proprietà in più che lo rendono indispensabile in alcune cure terapeutiche e dimagranti: si tratta di principi attivi come il linalolo, la sinefrina e l’acetato di linalile. Scopriamo allora nel dettaglio quali sono le proprietà benefiche delle arance amare e come sfruttare al meglio sia quelle dimagranti che quelle terapeutiche.

 

arance amare proprieta benefici
ARANCIO AMARO: PROPRIETÀ DIMAGRANTI.

Il potere dimagrante dell’arancia amara è dovuto alla sinefrina, una sostanza che aumenta la termogenesi e brucia i grassi. La sinefrina in genere viene isolata e utilizzata nella preparazione di integratori per la perdita di peso, tuttavia, secondo alcuni studi, la sua efficacia è completa quando agisce insieme a tutti gli altri principi contenuti nell’arancia amara. Per avere un piccolo aiuto in più nella perdita di peso basta quindi bere della buona spremuta di arance amare oppure consumare l’agrume una volta al giorno. Dall’arancio amaro inoltre si estrae un preziosissimo olio essenziale che, se sfregato sulle parti interessate, aiuta a contrastare gli inestetismi della cellulite. Per avere effetti snellenti e ridurre la cellulite basterà massaggiare le parti critiche con l’olio essenziale di arancio amaro mescolato con dell’olio di oliva.


ARANCIO AMARO: PROPRIETÀ TERAPEUTICHE.

Le proprietà dell’arancio amaro non finiscono qui: oltre a quelle dimagranti infatti ci sono le proprietà terapeutiche, ad esempio antinfiammatorie, antitumorali o digestive.

Scopriamole nel dettaglio:

Proprietà rilassanti: in questo caso occorre l’olio essenziale, utilizzato molto spesso nell’aromaterapia per alleviare ansia, tensione nervosa e depressione.
Proprietà digestive: per chi ha difficoltà di digestione è molto utile bere un infuso di bucce d’arancia amara. Il sapore intenso delle bucce aiuta le papille gustative a favorire le secrezioni salivari e gastriche. Inoltre, la vitamina C aumenta l’acidità contribuendo al miglioramento della digestione.
Proprietà antinfiammatorie: grazie al linalolo contenuto nella buccia, l’arancio amaro è ottimo per i dolori articolari e muscolari, oppure per alleviare il dolore per la puntura di insetti. Per trattare le zone interessate basta utilizzare l’olio essenziale di arance amare oppure tamponare con dischetti di cotone imbevuti di infuso di bucce d’arancia amara.
Cura della psoriasi: grazie alla vitamina PP l’olio essenziale di arancia amara è utile anche per trattare le parti della pelle colpite da psoriasi. In questo modo viene ridotta la secchezza della pelle e ne vengono riparati i tessuti.
Proprietà antitumorali: secondo alcuni studi il limonene (contenuto in generale negli agrumi) ha proprietà antitumorali. Esso infatti attiva gli enzimi epatici che rendono inoffensive le sostanze cancerogene.


ARANCIA AMARA: CONTROINDICAZIONI

Se da un lato abbiamo diversi benefici, dall’altro lato dobbiamo considerare anche le controindicazioni dell’arancia amara. Non tutti, infatti, possono consumare questo agrume: a causa della presenza della sinefrina (utile per chi vuole dimagrire, come abbiamo visto), l’assunzione dell’arancia amara potrebbe provocare l’attivazione dei nervi simpatici, quindi tachicardia e ipertensione. Dunque, le arance amare non sono consigliate a chi soffre di pressione alta, di problemi cardiaci e in casi di ipertiroidismo. A causa della sua capacità di stimolare la secrezione gastrica invece, l’arancia amara è sconsigliata anche a chi ha problemi di stomaco, come gastrite e ulcera. Infine, occorre prestare attenzione anche all’olio essenziale: una volta applicato, non bisogna esporsi al sole, in quanto il limonene è un fotosensibilizzante, dunque potrebbe provocare rossore, bruciore e prurito.


Post precedenti Post più recenti