Arancia Navelina – Locroi

Arancia Navelina

L’arancia Navelina è una tipologia di arancia appartenente al gruppo delle arance bionde ombelicate (chiamate “Navel”), che si caratterizzano per la presenza di una cicatrice che ricorda quella ombelicale. Ciò è dovuto alla sincarpia (presenza di più frutti in uno), un fenomeno che porta alla formazione di un secondo frutto di dimensioni ridotte. Altra caratteristica di questi frutti è l’apirenia, pertanto nella polpa non si riscontrano semi, se non qualche traccia di quelli non sviluppati.

Su questo sito puoi acquistare Arance Naveline biologiche e non trattate prodotte in Calabria nel pieno rispetto della natura. Per la coltivazione viene utilizzato concime di origine naturale o si ricorre al sovescio , tecnica che consiste nell’interrare determinate specie erbacee per mantenere e migliorare la fertilità del suolo. Le arance vengono raccolte a mano senza poi subire nessun trattamento post raccolta, come la cera o l’antimuffa.

 

arancia navelina
Arancia Navelina: caratteristiche

L’arancia Navelina è molto diffusa nel Sud Italia e in altri Paesi del bacino del Mediterraneo. In Italia si è diffusa grazie alla precocità della maturazione e alle sue caratteristiche organolettiche.
La raccolta, viene infatti effettuata già a partire dal mese di novembre, in anticipo di diversi mesi rispetto ad altre cultivar (es. Tarocco).
Le arance Naveline presentano dimensioni medie-grandi, una polpa croccante e un sapore con poca acidità che con il passare dei mesi diventa sempre più dolce: la raccolta può essere posticipata anche ad inizio primavera al raggiungimento di un elevato grado zuccherino.


Arancia Navelina: come usarla

L’arancia Navelina si presta molto per il consumo fresco. E’ ideale per essere mangiata a spicchi (la buccia è abbastanza spessa e si rimuove facilmente) oppure per essere utilizzata in un’insalata mista (lattuga, pomodori, avocado, ecc.).

In Calabria, viene utilizzata anche per preparare la cosiddetta “Insalata di arancia”, in cui le arance Naveline vengono condite con olio, un po’ di aceto e sale.
Infine, sono anche l’ideale per la preparazione di marmellate oppure la buccia (se proviene da arance non trattate) può essere utilizzata per ottenere dei canditi.