Cipolla rossa di Tropea: coltivazione, proprietà e ricette – Locroi

Cipolla rossa di Tropea: coltivazione, proprietà e ricette

CIPOLLA ROSSA DI TROPEA: COLTIVAZIONE, PROPRIETÀ E RICETTE

La cipolla rossa di Tropea è una tipologia di Allium cepa coltivata in Calabria, principalmente coltivata a Nicotera (Vibo Valentia) e Campora San Giovanni (Amantea, Cosenza) e prodotta nel comune di Ricadi tra Briatico e Capo Vaticano. Ha una forma tonda oppure ovoidale ed è composta da diverse tuniche concentriche bianche con un involucro rosso. Viene coltivata in questi territori da circa 2000 anni ed è stata importata qui probabilmente dai Fenici: da più di cento anni, inoltre, la cipolla rossa contribuisce allo sviluppo socio-economico della zona. Al gusto l’ortaggio risulta più dolce rispetto agli altri tipi di cipolla, e ciò dipende dal microclima stabile del periodo invernale, dalla vicinanza del mare e dai terreni limosi.

cipolla rossa tropea

COLTIVAZIONE CIPOLLA DI TROPEA

Nel dettaglio, la zona di produzione della cipolla rossa di Tropea comprende i seguenti territori idonei:

Provincia di Catanzaro: Nocera Terinese, Falerna, Gizzeria, Lamezia Terme, Curinga
Provincia di Vibo Valentia: Pizzo, Vibo Valentia, Briatico, Parghelia, Zambrone, Zaccanopoli, Zungri, Drapia, Tropea, Ricadi, Spilinga, Joppolo, Nicotera
Provincia di Cosenza: Fiumefreddo, Longobardi, Serra d'Aiello, Belmonte, Amantea

La semina della cipolla di Tropea inizia nel mese di agosto in contenitori alveolari, in vivaio o in campo. Per la cipolla precoce il trapianto si effettua dal mese di ottobre al mese di gennaio, mentre per la cipolla tardiva si procede con il trapianto da gennaio a marzo, quando le piante raggiungono 15 cm di altezza e hanno 4 o 5 foglie. Per quanto riguarda il cipollotto è possibile praticare il trapianto di semenzali, la semina diretta oppure quella dei bulbi dell’annata precedente, conservati con cura e posti nel terreno da agosto in poi. Tra le diverse operazioni di coltura si ricorre all’irrigazione, tenendo conto del tipo di terreno e dell’andamento pluviometrico. Dopo la raccolta i bulbi dei cipollotti devono essere ripuliti della tunica esterna sporca di terra e le code devono essere spuntate di circa 40 cm. I cipollotti dovranno poi essere posti in fasce nelle cassette. Per quanto riguarda invece le cipolle per il consumo fresco, bisogna privare i bulbi della tunica esterna, tagliare le code se superano i 60 cm e riunire le cipolle in fasci da 5 o 8 chili posti in cassette. Le cipolle da serbo invece vengono poste in andane sul terreno, coperte con le stesse foglie e lasciate ad asciugare per 8 -15 giorni: in questo modo diventano più compatte, resistenti e di un colore rosso vivo. Una volta disidratati, i bulbi possono essere scollettati e usati per produrre le tipiche trecce.

CIPOLLA ROSSA DI TROPEA: LE TIPOLOGIE

Distinguiamo 3 diverse tipologie di cipolla rossa di Tropea:

Cipollotto: di colore bianco-rosato o violaceo e di sapore tenero e dolce
Cipolla da consumo fresco: colore dal bianco-rosso fino al violaceo, sapore tenero e dolce
Cipolla da serbo: colore rosso-violaceo e sapore dolce e croccante

CIPOLLA DI TROPEA: PROPRIETÀ, VIRTU’ TERAPEUTICHE E CONTROINDICAZIONI

L'ortaggio ha un grande valore nutritivo in quanto ricco di sali minerali e vitamine, tra cui la vitamina C ed E. Possiede fermenti che aiutano la digestione, ma anche oligoelementi quali selenio, ferro, zinco, iodio, fluoro, calcio e fosforo. Contiene flavonoidi che hanno potere diuretico e la glucochinina, un ormone vegetale antidiabetico. La cipolla di Tropea viene utilizzata anche per scopi terapeutici:
applicando il succo sulla pelle, funge da antibiotico e antibatterico
unendo il succo al miele si prepara un ottimo espettorante e decongestionante per la faringe con i gargarismi a base di succo di cipolla è possibile curare la tonsillite
è un ottimo diuretico e depurativo, usato soprattutto per chi soffre di trombosi
ha anche proprietà sedative, ed è utile in caso di problemi di sonno.

I bulbi fungono anche da ipoglicemizzanti, abbassando i livelli di glucosio nel sangue e riducendo le dosi di insulina. I benefici della cipolla di Tropea vengono applicati anche nell’omeopatia, ad esempio in caso di raffreddore, e come rimedio fitoterapico per ascessi o geloni. In quest’ultimo caso va preparato un decotto, mettendo a bollire le fette di cipolla per 15 minuti. Trascorso il tempo di cottura, si filtra e si applica il fluido sulla parte interessata. Il decotto a base di cipolle è anche ottimo per chi ha la cute secca.
Svariate ricerche mediche hanno dimostrato che la cipolla rossa riduce il rischio di cancro al fegato, al colon, alle ovaie e alla laringe, grazie all’alto contenuto di flavonoidi, quercetina, sali minerali e fenoli, insieme al potassio e al ferro. Le cipolle infatti liberano il corpo dalle tossine, riducendo il rischio di infiammazione ed eliminando eventuali focolai di tumore.
Per trarre tutti questi benefici è necessario consumare l’ortaggio crudo, quindi per rimediare all’alito cattivo occorre masticare due chiodi di garofano. Il consumo è sconsigliato a chi soffre di ulcera e iperacidità, soprattutto a crudo, dunque in questi casi è preferibile mangiare la cipolla cotta.

CIPOLLA ROSSA: RICETTE

Con la cipolla rossa di Tropea è possibile realizzare innumerevoli ricette: in generale, il soffritto di cipolla può costituire la base di sughi, carni in padella, verdure saltate. Cruda può essere utilizzata nella preparazione di panini, tramezzini e soprattutto insalate miste, tra cui la classica insalata di pomodoro calabrese: pomodori a cubetti, cipolla rossa, olio d’oliva, sale, origano e basilico… Un’oretta in frigo e l’insalata è pronta! Ci sono poi ricette specifiche in cui l’elemento principale è la cipolla rossa, vediamone alcune delle più invitanti.

CIPOLLA DI TROPEA IN AGRODOLCE

Avete bisogno di un contorno semplice e veloce? Allora vi consigliamo la preparazione delle cipolle di Tropea in agrodolce. Ecco come si prepara:

Ingredienti
  • 300 g di cipolle di Tropea
  • 100 ml di acqua
  • 5 g di zucchero
  • 2 cucchiai di aceto di vino bianco
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • sale
Preparazione:
  • mescolare insieme l’acqua, l’aceto e lo zucchero
  • lavare, pulire le cipolle e tagliarle a spicchi
  • rosolare le cipolle in padella con l’olio per circa 2 minuti
  • aggiungere la miscela, un pizzico di sale e cuocere con il coperchio per 15 minuti
  • scoperchiare, fare asciugare e aggiungere un altro po’ di zucchero

CIPOLLA DI TROPEA AL FORNO

Se volete un contorno gustoso per accompagnare un arrosto o un polpettone, un’altra ricetta molto semplice è quella della cipolla rossa al forno. La preparazione è davvero veloce:

Ingredienti
  • 350 g di cipolle rosse
  • 4 cucchiai di olio evo
  • sale e pepe
Preparazione:
  • lavare, sbucciare le cipolle e tagliarle a fette grandi
  • metterle in una pirofila ricoperta di carta forno e aggiungere olio, sale e pepe
  • infornare a 220° per circa 45 minuti, mescolando ogni tanto

RICETTA CIPOLLE DI TROPEA GRATINATE AL FORNO

Una variante della cipolla al forno semplice è costituita dalla ricetta delle cipolle gratinate, in cui vengono utilizzati più ingredienti, ma la preparazione è comunque semplice. Ecco come fare:

Ingredienti
  • 4 cipolle di Tropea
  • 200 g. di pangrattato
  • 20 g. di pecorino
  • olio evo
  • sale e pepe
  • prezzemolo
  • menta
Preparazione
  • Lavare le cipolle e tagliarle a metà in una ciotola unire pangrattato, pecorino, prezzemolo tritato, menta, olio, sale e pepe e mescolare bene
  • disporre le cipolle in una pirofila con olio e sale e infornarle per 10 minuti a 180°
  • togliere le cipolle dal forno, aggiungere la panatura, altro olio e cuocere ancora per 30 minuti

CIPOLLA DI TROPEA CARAMELLATA

Per un aperitivo sfizioso, vi consigliamo bruschette e crostini conditi con la cipolla di tropea caramellata, che può anche essere utilizzata come contorno per piatti a base di carne. Ecco la ricetta:

Ingredienti:
  • 500 g. di cipolle rosse
  • 40 g di zucchero
  • 80 g di zucchero di canna
  • 130 g. di acqua
Preparazione:
  • lavare, sbucciare le cipolle e tagliarle a rondelle
  • versare le cipolle in un tegame insieme allo zucchero di canna e a quello semolato, mescolare e unire l’acqua
  • cuocere per un’ora a fuoco basso e mescolare di tanto in tanto

Post precedenti Post più recenti